praIn data 21 Novembre 2014, alle ore 9,00, presso il Centro Remiero di Genova Prà, i Delegati del Comitato Regionale Liguria si sono incontrati con il Comune di Genova, l’Associazione Prà Viva, il Gruppo Sportivo Speranza nonché l’Impresa aggiudicataria dei lavori per la ristrutturazione del Centro Remiero e del campo di regata genovese.

E’ intenzione del Comune di Genova di avviare i lavori entro breve, una volta definite le priorità a fronte degli ultimi sopralluoghi e delle necessità operative dei soggetti interessati dalle attività di ristrutturazione.

Il Comitato Regionale Liguria ha illustrato al Comune il piano operativo delle regate del 2015 e le necessità delle Affiliate liguri che frequentano il campo di regata per gli allenamenti.

L’Associazione Prà Viva nella persona del Presidente Bartolomeo Parodi ed il Comitato hanno peraltro doverosamente evidenziato ai rappresentanti del Comune le criticità venutesi a creare a seguito dei recenti fenomeni alluvionali che hanno interessato anche il Ponente genovese e che, in due fasi temporalmente diverse (l’una poco meno dannosa dell’altra) hanno ampiamente compromesso (vedi foto allegata) l’utilizzabilità e l’operatività del Centro remiero; tali criticità, evidentemente, se non sanate in tempo utile ma soprattutto in via per così dire definitiva e/o dirimente, potrebbero rendere vano l’investimento che l’Amministrazione di Genova ha dedicato al campo di gara ed inoltre mettono in forse l’organizzazione delle regate previste nel prossimo anno.

I Tecnici del Comune presenti alla riunione si sono fatti carico delle istanze presentate dal Comitato e dalla Associazione Prà Viva concordando con gli elementi oggettivi che rendono difficoltosa la pratica dell’attività remiera ed, anche su suggerimento del Comitato, invitando Prà Viva, qualora ciò non fosse ancora avvenuto, ad inoltrare nuova e tempestiva denuncia e/o richiesta di risarcimento anche per gli ultimi e gravi danni parzialmente evidenziati dalla riproduzione fotografica di cui sopra. Tuttavia, come può ben immaginarsi, una soluzione definitiva non sembra semplice e sicuramente dovrà essere oggetto dell’intervento di specialisti. Non potendo che, allo stato, garantire la massima collaborazione possibile, il Comitato Regionale Liguria auspica nell’immediato un intervento degli organi competenti per consentire la piena agibilità dell’impianto per il 2015.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.